Incerenitore eco-mistral a Spilimbergo: parola all’UE

  1. Home
  2. L'EUROPA E NOI
  3. Incerenitore eco-mistral a Spilimbergo: parola all’UE

La settimana scorsa ho presentato una interrogazione parlamentare alla Commissione, affinché valuti se aprire una procedura di infrazione riguardante le emissioni dell’inceneritore di Spilimbergo. Nell’ultimo anno sono stata ben due volte a Spilimbergo, e molti cittadini mi hanno chiesto di intervenire urgentemente su questo tema. Non si scherza con la nostra salute e con l’ambiente.

Pensate che l’inceneritore, che brucia già 25.000 tonnellate di rifiuti l’anno, è adiacente a tre aree protette dall’Unione europea e all’area fluviale del Tagliamento. Non solo: a meno di 1 km si trovano abitazioni, una scuola, un ospedale e impianti sportivi e ricreativi, frequentati dai nostri ragazzi. Verrebbe da dire che un termovalorizzatore non dovrebbe mai essere aperto in una zona del genere, e studi effettuati dall’università di Triste mostrano rilevanti effetti inquinanti su quelle zone importante per la salute pubblica. Nonostante ciò, dal 2017 è incessante il tentativo di ampliarlo e solo la mobilitazione della società civile e delle forze politiche di centro-sinistra ha finora bloccato questi progetti. Emerge poi oggi un dato incredibile: a conferma dell’inopportunità del collocamento dell’inceneritore, la valutazione di incidenza, che è obbligatoria in questi casi come prescritto dalla normativa europea, non è mai stata effettuata. Gli estremi per un intervento a tutela dell’ecosistema, delle falde acquifere e della salute dei cittadini ci sono certamente tutti e, per questo, ho chiesto alla Commissione Europea dare una propria valutazione.

Salvaguardare il nostro territorio e la salute di tutti noi deve essere sempre una priorità, prevalente su qualsiasi calcolo economico. Per questo è importantissimo che i cittadini vigilino sempre e sollecitino noi che li rappresentiamo nelle istituzioni.

Qui, potete trovare l’articolo dal titolo: “Inceneritore Eco Mistral, Gualmini porta il caso al Parlamento europeo”

Menu